LO SGUARDO CONTINUA A NAVIGARE SENZA UN APPRODO DEFINITIVO. LE FIGURE MIRABILMENTE DISPOSTE DA VELÁZQUEZ CI INVITANO A CONDIVIDERE IL PERFETTO EQUILIBRIO TRA REALTÀ E ILLUSIONE.

In arte vi sono convenzioni che dovrebbero essere rispettate. La più importante esige che, seppure in tempi diversi, il pittore e l’osservatore percepiscano il medesimo oggetto: il primo attraverso il proprio apparato sensoriale o anche l’immaginazione, il secondo per mezzo di una rappresentazione più o meno fedele al dato reale o a quello psichico. Nel corso dei secoli diversi artisti hanno sperimentato strategie, a volte stravaganti, per mettere in discussione questo essenziale patto comunicativo. Un pittore, tra i più grandi, lo fece letteralmente a pezzi. Continua a leggere

Annunci