MORTE DI UN’OPERA D’ARTE. L’INCENERIMENTO DEL SAN MATTEO E L’ANGELO DI CARAVAGGIO.

L’incendio infernale divampato la notte del 5 maggio 1945 all’interno della Flakturm Fredrichschain di Berlino fu definito come «il più grande disastro artistico della storia moderna,» [1] Le Flaktūrme erano torri di babelica smisuratezza costruite a Berlino e in altre città del Terzo Reich quando apparve chiaro che la Luftwaffe non era più in grado di contrastare i bombardieri alleati nei cieli della Germania. Diversamente da quanto scritto e ripetuto in una miriade di siti e blogs che si limitano a riportare pedissequamente il testo della pagina specifica di Wikipedia, le Flaktūrme erano un dispositivo per la difesa aerea articolato in due edifici. La torre Geschützturm era più grande e dotata di un temibile armamento contraereo, la torre Leitturm di medesima altezza, ma di dimensioni inferiori (metri 50x23x44) era equipaggiata con un impianto radar Würzburg Gigant, montato su una piattaforma che poteva scorrere dietro una paratia di cemento armato. In aggiunta al sistema di “avvistamento magnetico”, la torre “L” era dotata solo di batterie contraeree leggere.

Bau eines Flak-Turmsq

L’immagine, pubblicata sulla pagina di Wikipedia relativa all’incendio di Friedrichschein, si riferisce a un’altra flakturm: le torrette con le batterie contraeree sono infatti circolari anziché poligonali.

Continua a leggere

Annunci

RIBELLE E MALEDETTO, CARAVAGGIO MISE IN SCENA IL MONDO SENZA VOLTO NÉ STORIA DEI DISEREDATI. I DUE SAN MATTEO E IL CONFLITTO TRA DECENZA E VERITÀ.

Nell’anno di grazia 1592 un giovanotto trasandato, dai modi bruschi e arroganti, l’accento milanese mescolato alle dure sonorità del bergamasco, s’aggirava per Roma in cerca di fortuna. Girava con rotoli di tela dipinta, uno specimen portatile del suo talento ancora acerbo a causa del quale era gonfio di ogni possibile ambizione. Bruciava di un fuoco inesplicabile, una sorta di mescolanza esplosiva in cui si combinavano pericolosamente consapevolezza dei propri mezzi ai limiti del narcisismo, disprezzo per i mediocri, voglia di misurarsi con i più grandi artisti del secolo, odio per i prepotenti e le ingiustizie, tenerezza verso i diseredati. Continua a leggere